Tutti i modi per dire “pavimento in legno”

In molti paesi del mondo c’è un’unica parola per definire tutti quei pavimenti che sono o sembrano legno.
In italiano invece le distinzioni sono molto nette e ogni tipo di pavimento caldo ha il suo nome specifico, a volte però questa distinzione molto chiara porta a pensare che solo il parquet sia il pavimento degno di nota a scapito degli altri che sembrano pavimenti di ripiego. Non è così.
Ogni pavimento ha le sue caratteristiche e le sue qualità. Ognuno può scegliere quello che più soddisfa le sue esigenze.
L’effetto parquet si può ottenere in tanti modi e con vari materiali:

Legno massello
Il parquet più tradizionale di tutti, ottenuto da un unico strato di legno nobile, spesso posato grezzo e poi rifinito sul posto. Necessita di tempi lunghi per la posa e la finitura. Il vantaggio principale è che si presta a tanti tipi di decorazione e si può personalizzare al massimo. È un pavimento che conferisce unicità ed estrema eleganza.

Parquet prefinto multistrato
Può essere a due o a tre strati dove lo strato superiore è quello nobile, mentre lo strato inferiore serve a bilanciare il parquet. Viene lavorato prima di essere posato, perciò l’operazione di installazione è molto più rapida. Ad oggi è il parquet più richiesto perché proprio per la sua facilità di posa e i prezzi più competitivi. L’offerta è molto ampia, si possono trovare tanti tipi di finiture, di essenze e di formati.

Parquet industriale
Un parquet che può essere massello o multistrato realizzato con blocchetti di legno ottenuti dagli scarti di altre lavorazioni. È estremamente resistente e viene utilizzato anche in spazi soggetti a forte usura e calpestio, ma sempre di più è apprezzato in contesti domestici per i costi contenuti e per la resa estetica.

Laminato
Il laminato è oggi il vero alterego del parquet. Grazie alla precisione con cui vengono realizzati i decorativi, ai bassi spessori e alle caratteristiche tecniche risulta una scelta più economica del parquet in vero legno e più performante. La varietà con cui viene realizzato permette di soddisfare tutti i gusti, dall’effetto classico a quello più moderno, la facilità con cui si pulisce e la resistenza a graffi e urti lo rende la scelta ideale in caso di animali domestici o di spazi con forte calpestio.

LVT
I pavimenti resilienti LVT sono sempre più apprezzati perché uniscono la grande praticità e flessibilità del materiali vinilico all’altissima qualità grafica dei decorativi che possono riprodurre essenze lignee, marmi, pietre o effetti grafici. La resa estetica ottenuta negli ultimi anni è tale che l’LVT viene apprezzato anche per le pose in ambienti domestici.
Altro punto forte è la sua resistenza all’acqua, quindi può essere posato in tutti gli ambienti anche cucine e bagni.

Gres effetto legno
Per chi non vuole assolutamente pensieri legati a problemi di umidità, ristagni d’acqua e calpestio, il gres effetto legno è una buona scelta. Non teme l’acqua e non teme graffi o colpi di alcun tipo, non cambia nel tempo e non necessita di grandi manutenzioni. Lo svantaggio è la sensazione fredda che da al tatto, una varietà più ridotta nei decorativi e nei formati.

Lascia un commento